Archivi del mese: settembre 2005

Juve Stabia-Acireale 0-1

Incredibile pronosticare alla vigilia della partita un risultato così!
Invece i granata riescono nell’impresa di non prendere gol in un campo tra i più difficili della C1 girone B, e capitalizzano al massimo il gran gol di D’Alessandro, al 25′, che da 30 metri toglieva la ragnatela dell’incrocio dei pali.
Alla fine il risultato sta pure stretto perchè in cntropiede l’Acireale potrebbe chiudere la partita, ma invece si dovrà soffrire fino al 95′ min.
 
 
GRANDE ACIREALE!

Acireale Sangiovannese 1-1

L’Acireale muove la classifica cogliendo un pari casalingo contro la capolista, secondo me ancora per poco, Sangiovannese.
 
Il divario che è evidenziato dalla classifica non è supportato dall’espresione del gioco in campo.
insomma la Sangiovannese, giustamente, aspira a un campionato di tranquillità e non certo a vincere il campionato.
 
L’Acireale doveva muovere la classifica e il punticino serve a questo e a dare un pò di fiducia ai ragazzi di mister Ugolotti, che deve trarre il meglio possibile dal gruppo messogli a disposizione dalla società.
 
Il primo tempo della partita è scialbissimo con nessuna proiezione offensiva, da registrare soltanto un colpo di testa di un difensore della Sangivannese su un tiro dalla bandierina che passa di poco sopra la traversa della porta difesa dall’esordiente Cordaz, portiere di scuola Inter in prestito ad Acireale e in cerca di affermazione.
 
Nel secondo tempo, la Sangiovannese prova a fare qualcosina e intorno al 15′ guadagna una punizione dal limite in posizione centrale. Il tiro di Baiano viene intercettato dalla barriera secondo l’arbitro con un braccio di Coppola, quindi è calcio di rigore.
Lo stesso Baiano realizza per lo 0-1.
 
L’Acireale stavolta ha una buona reazione e guadagna metri di campo e il meritato pareggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo mal rinviato.La palla giungeva a Miftha, che cercava di colpire con una rovesciata, lo strano effetto del pallone favoriva Giglio, che controllava a gettava alle spalle di Di Masi, ex non rimpianto (anche se autore di pregevoli interventi uno dei quali in uscita su Alfageme, giovane argentino di buone speranze…).
 
Il pareggio finale, è il risultato più giusto tra due squadre che tutto sommato si equivalgono.
ricordiamo che l’Acireale ha già affrontato il Napoli e il Manfredonia, due delle squadra che diranno la loro durante il campionato.