La partita della domenica

 ACIREALE –  FOGGIA  0-0
 
 
Solito Acireale: scena muta in attacco! –
Una sola occasione da gol: Marruocco si oppone –
Comunque prova generosa dei granata davanti a 2000 spettatori –
 
 

Finisce con un nulla di fatto l’incontro tra granata e pugliesi disputato sotto un sole quasi estivo che picchiava sul Tupparello.

L’ambiente tutto sperava nei tre punti che, purtroppo,  non sono arrivati e che (vedendo anche i risultati della giornata) ci avrebbero permesso di uscire dalla zona-rischio.

L’Acireale ha giocato senza dubbio con molto cuore ma in attacco, tolta quell’incredibile serie di tiri ravvicinati del primissimo tipo (di D’Alessandro) si stenta e parecchio. Manca (o perlomeno ieri non è stato abbastanza rappresentato) quel giocatore che si piazzi lì al centro e che, al secondo tocco di palla, riesca a tirare in porta anche da fuori area se è il caso. Troppo macchinosi i nostri in avanti, con Coppola che mi è parso più lucido di altri in fase di costruzione….

Discorsi, comunque, vecchi e noiosi da ripetere o da rileggere.

Il Foggia ha dimostrato di essere una squadra poco più che mediocre, sicuramente alla pari di noi e che fino in fondo dovrà anch’essa pensare alla propria pelle (aspetterà il Napoli allo Zaccheria…). Ad Acireale, infatti, non mi ha lasciato un’ottima impressione: barricate e poco più.

Quel che mi preme sottolineare sono, comunque, due aspetti:

1) Vincendo ieri, come detto, avremmo fatto un bel passo avanti, non certo decisivo ma abbastanza  importante soprattutto per il morale di un gruppo di ragazzi che sta andando avanti tra mille problemi (ma quanto mi pesa quella maledetta settimana pre-Martina….). Questo discorso rinnova quello che da qualche settimana vado dicendo. E’ un campionato equilibratissimo in zona play-out, basterebbe una continuità di risultati e qualche colpaccio esterno (dato che in casa non si batte chiodo) per poter respirare.

2) La quasi totalità di chi frequenta lo stadio ha capito che è perfettamente controproducente contestare per le mancate vittorie casalinghe. Tifo continuo e rabbioso in curva per 90 minuti interi! Certamente la gente, come il sottoscritto, non gradisce prestazioni al di sotto del minimo sindacabile richiesto, ovvero povere d’impegno ma per il momento è questo quello che passa il convento (sfido qualunque città a riempire uno stadio vedendo solo un tiro in porta…).

Non resta che continuare a sostenere la maglia fino in fondo, sperare in un’altra impresa, stavolta all’Arena Garibaldi, e confermare che sono altre le squadre che hanno ormai preso il classico “sciddicu” (Gela e Massese).

Ho una grande fiducia per il prosieguo (calcistico) e nel frattempo attendo buone nuove da chi potrebbe salvare una società che, come amo definirla, è molto più di un “passatempo domenicale”. 

 

‘U FASSU MAURU NI JETTA PISANTI!!!!

 

 
 
 
 
 
 
Commento di Emanuele Addia
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...