Archivi del giorno: 6 maggio 2006

La sentenza della DISCIPLINARE

INCREDIBILE! Acireale -2 in classifica
 
riportiamo l’Articolo dal sito www.forzacireale.it :
 
 

Acireale Penalizzato

sabato 6 maggio 2006 – 20.57
Fonte tgcom.mediaset.it 15 club di C1 e C2 sono stati deferiti per illecito amministrativo dalla Commissione Disciplinare della Lega di C. Come ci si attendeva, la mano dei giudici e` stata piuttosto pesante. Per quanto riguarda le societa` di C1, queste sono le delibere: all’Acireale penalizzazione di 2 punti da scontare nel campionato corrente e inibizione per due mesi a Franz Denaro, amministratore unico e legale rappresentante del club siciliano. Sempre nel girone B, il Chieti gia` retrocesso si vedra` sottrarre 2 punti nella prossima stagione e per quattro mesi vedra` allontanato il proprio amministratore delegato. Saranno tolti gli stessi punti, ma nel campionato in corso, al Gela; a cio` si somma l’inibizione per due mesi dell’amministratore delegato.

 Nel girone A fa le spese delle proprie inadempienze la Sambenedettese: il presidente Alberto Soldini e` stato inibito per quattro mesi, mentre in graduatoria i rossoblu` si vedranno togliere 2 punti. Il club marchigiano tornera` nuovamente in tribunale lunedi` prossimo: sara` questa volta il giudice fallimentare a occuparsi della pratica della societa`. Per quanto riguarda la Serie C2 si attendono simili provvedimenti per Giugliano, Lamezia, Pro Vercelli, Latina, Potenza, Pro Vasto, Melfi, Viterbese e Vittoria. Speranze di proscioglimento per la Cavese, mentre la decisione riguardante la Nocerina potrebbe essere procrastinata a data da definirsi.

 

La Commissione Disciplinare della Lega di Serie C ha sanzionato quindi con due punti di penalizzazione tutte le squadre deferite per il non pagamento di alcuni contributi eraliali.
Anche l’Acireale è condannato nonostante avesse dalla sua una speciale legge dello Stato che prevedesse la sospenzione del pagamento di tali tasse a tutte le società che rientrano nel territorio colpito dall’evento sismico del 2002. Acireale è un comune che "gode" di questa sospenzione e quindi la Lega di Serie C non ritiene valida una legge nazionale.
Alla luce di questo la classifica, per quel che riguarda le posizioni play-out, è così modificata:
 
       Foggia           39
       Gela              38
14) Acireale        37
15)  Massese         37
16)  Pisa               36
17) JuveStabia      33
18) Chieti            28 (già retrocesso, penalizzato l’anno prossimo di 2 punti)
 
Se i calcoli che abbiamo fatto sono esatti l’Acireale per salvarsi dovrebbe:
1) vincere e il Gela perdere o pareggiare o Foggia perdere
2) pareggiare e il Gela perdere e la Massese non vincere
 
ilpres

La partita della NIKA S.Luigi Acireale

NIKA S.LUIGI AcirealeMelilli 76-86
 
Finisce in casa la seconda consecutiva partecipazione ai playoff per la promozione in C1 della Nika Acireale. Il quintetto di coach Sergi si congeda dal pubblico amico senza riuscire a regalare l’1-1 nella serie contro il forte Melilli.
Qualche rimpianto alla fine c’è perchè la Nika si è presentata ai playoff con qualche affanno di troppo dovuto agli acciacchi dei vari componenti del roster e di alcune scelte tecniche e del gruppo.
 
Il primo quarto iniziava ma si può dire che per tre minuti non si è giocato a pallacanestro dal momento che il punteggio è rimasto 2-2!
Il primo mini-breack dell’incontro lo faceva il S.Luigi che con un contropiede Vigo-Vitale e una bomba di quest’ultimo, alla fine sarà il migliore dei suoi, si portava avanti 7-2.
Il Melilli prendeva la misura del canestro e facilmente si riportava sotto e chiudeva in vantaggio il tempo: 18-21.
Al via del secondo quarto era il Melilli che stavolta tentava l’allungo con un mini parziale (27-35). Ma i timeout di coach Sergi e la grinta di Vitale e compagni portavano al pareggio sul 37-37 a 1’30” dal riposo lungo, che vedeva le squadre presentarsi sul 39-42.
Nel terzo quarto l’equilibrio veniva confermato e la partita diventava combattuta su ogni pallone, senza comunque trascendere dal puro agonismo.
Vitale piazzava il sorpasso (54-53) della Nika a 4’13”, che coincideva col quarto fallo dell’incontenibile Messina, ma poi il Melilli riusciva a chiudere in vantaggio di un punto: 59-60.
Negli ultimi 600 secondi l’equilibrio la fa da padrone fino a metà tempo (66-67 a 5’47” dalla fine) ma poi l’esperienza e la maggior caratura del Melilli aveva il sopravvento e per la Nika non c’è stato nulla da fare. La partita finiva con i melillesi ad amministrare con i liberi l’esiguo vantaggio e col San Luigi col morale sotto le scarpette. Al fischio della sirena il tabellone segna 76-86 e serie chiusa sul 2-0 per Melilli che attende il risultato dell’altro playoff per sapere con chi giocarsi la finale. Infatti, secondo pronostico, il Licata non ha avuto vita facile ad Adrano e ha perso gara 2 andando sull’ 1-1. Domenica ci sarà  gara-3 a Licata per sancire la seconda finalista.
 
 
 
il TOP

Gabry Vitale : senza alcun dubbio l’MVP del San Luigi!Peccato che un infortunio a fine primo quarto ne distrurbi la partita, ma è l’unico che sembra in grado di poter dare quel qualcosa in più in fase d’attacco dove la NIKA spesso è imprecisa e scontata.Per vincere un campionato bisognerebbe che si trovassero altri nove Vitale…
 
 
  il FLOP
I LUNGHI : Vetrano e Ganci sembrano guardare gli avversari quando questi vanno a canestro. In gara uno riescono a far fare 24 punti a Santaera, mentre in gara due non riescono a fermare Messina, manco fosse Ronaldino… Davvero la loro latitanza sotto le palce è l’ago che fa pendere la bilancia sul Melilli. In attacco Vetrano è un pò più preciso di Ganci, ma non gli si può perdonare la figuraccia sulla schiacciata sbagliata! Non è sicuramente l’episodio decisivo della gara, ma questa cacanesata poteva risparmiarcela!