La partita dell’Acireale

GROSSETOACIREALE 3-1
 
PLAYOUT!
(Io, senta…)
 
Il Grosseto ha via libera nella ripresa –
– Inutile il vantaggio acese –
– Squadra demoralizzata dopo la penalizzazione –
– Presentato ricorso alla CAF –
 
Non poteva che finire così. Dopo la penalizzazione inflitta in maniera scellerata, per quel che riguarda la motivazione  non è stato tenuto conto dell’esenzione di cui godono le ditte e i privati acesi, che ha sconvolto la classifica e contestualmente fatto scendere il morale della truppa di mister Ugolotti, il Grosseto ha trovato una squadra apparsa giù di tono (sopratutto dopo aver conosciuto i risultati degli altri campi alla fine del primo tempo) e priva di quel furore agonistico che sarebbe dovuto essere la molla per l’ennesima impresa esterna della stagione.
Ci tocca afforntare i playout da terzultimi, senza il vantaggio del campo e sopratutto non basteranno due pareggi per essere salvi. Purtroppo, dato che la squadra soffre di pareggite, non è una bella prospettiva, anche se la fiducia c’è perchè la Massese, squadra con cui l’Acireale dovrà giocarsi la C1 (semprecchè il ricorso alla CAF non venga accolto…) è la squadra che l’Acireale è riuscita a battere sia in casa che fuori, e che non ha un grosso seguito di tifosi alle spalle.
Insomma tutto resta aperto e adesso più che mai un ossessivo imperativo deve restare in testa agli addetti ai lavori ed agli sportivi acesi:
 
NON MOLLARE MAI!
V.Barbagallo
 


 

 

Fine del campionato ed inizio di un altro.

Questo è l’amaro verdetto che non avremmo mai voluto commentare su queste pagine.

Salvezza, dunque, che passerà dal pericoloso spareggio con una squadra tra lo Stabia e la Massese (a seconda del verdetto in appello della CAF).

Eppure i granata erano riusciti a passare subito in vantaggio nell’incontro che li vedeva ospiti in Maremma in casa del Grosseto; e non solo: il pareggio (su un dubbio rigore concesso su segnalazione del guardilinee) dei toscani non può cancellare gli ottimi 45 minuti da parte acese. I ragazzi scesi in campo ieri hanno tenuto testa ai ben più quotati avversari ma, purtroppo, ciò non è bastato.

Sono, invece, risultati sufficienti 5 minuti (o anche meno) di puro suicidio, che hanno permesso ai biancorossi di vivere di rendita per tutti i restanti 40 del secondo tempo, contro una squadra che, oltre ai propri ormai noti limiti tecnici, aveva dalla sua il grosso fardello dei 2 punti tolti “sapientemente” dalla Lega solo mezza giornata prima di un importantissimo match!!

Questa è una vera e propria PORCHERIA! A livello nazionale impazza il caso Moggi e la Federazione è sotto accusa, ma la lista delle grane sarebbe davvero lunga se si considerassero anche le categorie cosiddette inferiori: è uno scandalo vero e proprio se, per un mancato pagamento di QUALCHE MESE SCORSO, soltanto adesso bisogna farne giustizia (se così si può dire).

Ha pienamente ragione il nostro (grande) mister Ugonotti ha volere giustizia in un mondo (quello italo-pallonaro) sporco a tutti i livelli e senza alcun minimo buon senso!

Altra discussione potrebbe essere quella legata alla penalizzazione dell’AS ACIREALE: la fiducia che pongo in Ragonesi è quasi illimitata e sono sicuro che riuscirà a restituirci 2 punti che, seppur inutili ad evitare i playout, consentirebbero di avere maggiori chance di salvezza.

 

Torniamo al capitolo strettamente calcistico, evitando di piangere su quello che è ormai passato (il Grifone ancora una volta mi tiene sveglio in alcune delle ore che vorrei dedicare al sonno…).

Ci attendono queste 2 ultime gare: MASSA O STABIA (entrambe hanno un attacco peggio del nostro…..)? Il dilemma, come si sa, verrà risolto dopo la decisione CAF. Personalmente, vorrei necessariamente riavere quello che ci è stato (ingiustamente) tolto e questo per diversi motivi.

Prima di ogni cosa, per una questione di principio, di giustizia e di rispetto per la nostra maglia, indipendentemente dal lato prettamente calcistico.

Da un punto di vista sportivo avrei “preferito” incontrare la Massese ma solo con il vantaggio in classifica: è vero che nel campionato siamo riusciti a segnare 3 gol ai toscani in casa (unico miracolo) ed a vincere in trasferta, ma è altrettanto vero che gli spareggi sono un vero e proprio “campionato a parte”, basti ricordare il doppio match con i brindisini, padroni in campionato e battuti ai playoff da un Acireale tutto cuore.

Il problema che ritengo maggiore è quello dell’obbligo del risultato, che ci costringerebbe ad impostare il gioco per poi, come è sempre successo, perderci negli ultimi e decisivi metri davanti al portiere avversario: un Acireale costretto a vincere, peraltro la prima partita in casa mi mette decisamente in difficoltà.

 

Altra situazione: tornano i due punti e andiamo nel vespaio stabiese.

Il problema, qui, è l’effetto-Menti, stadio bellissimo quanto caldo come d’altronde la tifoseria gialloblù che ho sempre stimato ed ammirato. Il discorso ambiente-risultato non gode, fortunatamente, della corrispondenza biunivoca: non è assolutamente detto che giocare a Castellammare equivalga a perdere! In campo non vanno i tifosi, piuttosto vince chi mentalmente è più forte e chi magari dispone di un organico migliore.

Sotto quest’ultimo punto di vista, devo dire che ero tra quelli convinti che la Juvestabia avrebbe salvato prima la categoria, addirittura in anticipo: buon mercato di riparazione (Brutto), buoni risultati a seguire, ma si è comunque classificata sotto l’Acireale dai mille problemi e questo, secondo me, è un aspetto a noi positivo.

In conclusione preferirei giocarmela nel catino campano rispetto a presentarmi al Tupparello tra due settimane con l’obbligo-incubo di segnare un  gol più di una chiusa Massese.

 

Ripeto: quel che conta è testa e cuore; magari i nostri ragazzi hanno ormai fatto il callo alle situazioni di difficoltà e con una consapevole e migliore posizione di classifica potrebbero regalarci un autentico “mondiale”, altro che Germania ’06!

 

FORZA ACIREALE, CON TE X SEMPRE!

 
commento a cura di E.Addia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...