V giornata Promozione

 
 
Ad Acireale… va in scena il "trio" delle meraviglie:
 
 
GRAVINAACIREALE 4 – 2
 
– Due autogol determinano l’incontro –
 – In campo pure SBANDIERATORI di cacania –
 -Dopo Titti sarà forse Gatto Silvestro ad allenare l’Acireale? –
 
 
 

Al Tupparello di Acireale, campo designato per questa “trasferta”, va in onda il secondo tempo del film “miseria e nobiltà”, dove per la prima s’intende l’attuale situazione che gravita attorno alla Società granata, mentre per nobiltà si fa riferimento alla nota caratteristica dei vecchi signori acesi, noti per modi e ricchezze, lontani parenti di quelli che oggi devastano cessi o prendono a pugni un loro simile!

L’incontro, come tutti sappiamo, ha sancito la seconda sconfitta di questo campionato dentro le mura amiche, anche se sulla carta abbiamo giocato fuori….

L’undici granata, dopo i passi in avanti veduti 7 giorni scorsi, torna alle sue prime paure d’inizio torneo; eppure il match non era iniziato malissimo, anzi!

La squadra sembrava determinata. Nei primi 20 minuti ho visto quello che vorrei sempre vedere in campo: rabbia (agonistica), intelligenza tattica (pregevoli alcuni spunti in profondità), qualche tocco di fino ben riuscito (Papa), un attaccante mobilissimo e pronto all’assist (Grasso).

Il nostro quasi immediato vantaggio ad opera di Grasso che sfruttava una punizione dal limite, però, produce un effetto contrario tanto alla squadra, decisamente arretrata e rinunciataria, che a noi cioè al pubblico “locale” che già pensava al distacco dal Giardini, attuale capolista, calando il tono del suo incitamento. Gli “ospiti” pervenivano al pareggio prima dello scadere grazie ad un maldestro intervento del portiere granata.

L’Acireale ritorna decisa nel rettangolo verde riportandosi repentinamente in vantaggio con Leonardi. Stavolta né squadra, né pubblico, calano d’attenzione: la prima beffa è stata più che sufficiente!

Questo è l’articolo che avrei voluto scrivere.

In realtà da questo punto in poi inizia una seconda partita, una sorta di terzo tempo rugbistico dove, purtroppo, abbiamo la peggio.

Castiglia, nel normale tentativo di appoggiare al numero 1 granata, colpisce goffamente il cuoio con una mano/braccio (io, sinceramente, ho visto un semplice colpo di testa ma coloro che hanno osservato il fallaccio non sono stati pochi). Il gioco prosegue per una ventina di secondi, utili ad un avversario gravinese (si chiamano così questi catanesi di collina?) di protestare nei confronti di un guardalinee suo paesano , che prontamente suggerisce al principale uomo nero di fischiare il penalty: rigore, pareggio e tafferugli!

L’incontro, qui, cambia decisamente volto: falli non fischiati, Acireale in affanno e scarsa di idee.

Black-out generale. Il Gravina, dal canto suo, sembra sguazzarci non poco in una situazione rivelatasi amica, con la terna arbitrale “comandata” dagli stessi verde-bianco-rossi, protagonisti di svariate richieste, subito accolte e sentite da chi stava a bordo campo (parlatene con Fabrizio, il fotografo della curva, ma anche con qualche “casco blu”).

Ciliegina su una torta senza candele i due autogol (mai visto in quasi 15 anni di lucidi ricordi calcistici…) che hanno permesso ai variopinti avversari di far loro l’intera posta in palio, col minimo sforzo e con il massimo schifo!

Quest’anno, oltre a tutti i nostri demeriti prettamente sportivi, dovremo star molto attenti anche alle strane presenze attorno all’Acireale. Parlo di “gente” che, prima ancora di partire per arbitrare, va nei bar del loro “paese” promettendo agli amici di dar “spettacolo” a “ddi fissa di Jaci”.

Purtroppo siamo nel dilettantismo puro e come tale lo è tutto: dai giocatori alle terne arbitrali!; e, ancora purtroppo, penso che una buonissima percentuale di coloro che ci dirigeranno verranno dal “grande paesazzo” vicino, pronti a far festa in nome di una rivalità apparentemente univoca…

Ma è possibile chiedere arbitri non “locali”? Che ripercussioni avrebbe, su una lega (e quindi alla stessa Acireale, poco simpatica ai vertici isolani) già disorganizzata e poco pensante, questo tentativo di sabotaggio calcistico?

E’ notizia di oggi pomeriggio l’ufficialità dell’esonero di mister Titti Petralia.

Evidentemente qualcosa non gira per il vero giusto all’interno di una squadra che, a detta di tanti tecnici ed esperti d categoria, è composta da diversi “fuoriclasse”. Mi auguro solo che quest’allontanamento non sia un “regalo” che il presidente Massimino ha voluto donare ai propri tifosi per non sentirli più mormorare. Mi auguro che dietro ci sia, invece, un progetto serio con un tecnico fuori da ogni sporco giro d’interessi dirigentistici e pronto a “bastonare” i suoi uomini se ne sarà il caso. Uno alla Busetta per intenderci, evitando, tuttavia, che sia proprio lui…

 

 
Commento a cura di Emanuele Addia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Annunci

Una risposta a “V giornata Promozione

  1. rieccomi qui per ricordarti della mega festa che si sta organizzando nel mio blogil 13 ottobre in occasione del mio 46° compleanno e per il 1° anno di vita del mio blognaturalmente sei pregato di nn mancare ci tenngo proprio alla tua presenzati auguro un buon inizio di settimana!!!!
    P.S nn ti scordare di votare ecco il link diretto per votare
    http://www.net-parade.it/cgi-bin/votazione.aspx?utente=vglnet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...