XI Giornata campionato Eccellenza gir.B

 Aquila Grammichele  ACIREALE 0-2
3 punti e basta!
– Per adesso conta solo vincere: il gioco a dopo –
– A segno Antonucci (R) e Marino –
– Con Chico si cambia: finalmente col 4-4-2 ! –
 

Vittorioso esordio di mister Chico nella panchina granata in quel di Grammichele.

Davanti ad un migliaio di persone (record per quest’impianto), tra cui circa 300 provenienti da Acireale, la squadra acese riesce nel tentativo di bissare i 3 punti “esterni” di Lentini con una prestazione attenta ma, forse, un po’ troppo rinunciataria (vogliamo credere e sperare che sia solo svogliatezza domenicale, magari perché si calcava un terreno quasi “dorato”, simile al pigmento degli oro-saiwa mattutini, che rendeva difficile il solo controllo del pallone) e offensivamente sterile.
Gara che, peraltro, si era incanalata nei giusti binari sin dal primo quarto di gioco, quando un abile Antonucci si faceva letteralmente falciare da un difensore locale e con l’arbitro di gara che non poteva che fischiare il giusto penalty: trasformazione dello stesso “Robin Hood” e festeggiamento successivo sotto il vicino settore granata.
Squadra locale che, sebbene sospinta da un generoso pubblico amico, non riusciva a creare spazi nella retroguardia acese; quest’ultima aveva, così, modo di godersi la “nuova” coppia centrale diretta dall’onnipresente Cristaldi.

Come detto, ci si aspettava un Acireale capace di gestire “meglio” la situazione ovvero creare qualche difficoltà in più all’avversario che, comunque sia, dava l’impressione di non essere così irresistibile; l’undici del “professore” garantiva una giusta solidità tra i reparti centrali e difensivi ma la scarso brio di Raciti nella mediana e del buon Nello-gol nella trequarti, non riuscivano a far si che il “fresco” pomeriggio calatino fosse riscaldato da ulteriori emozioni.

La partita non ha quasi mai dato la sensazione che potesse risolversi con un pareggio locale, con il portiere acese raramente impegnato e, torniamo a ripetere, con l’inconcludente gioco giallorosso.
Del resto, quello che occorreva era vincere e, quindi, abbiam ben poco da lagnarci ma è anche vero che Chico ha ancora avuto troppo poco tempo per farsi capire e siamo sicuri che un organico come quello granata può e deve dare di più; le capacità ci sono, forse l’assenza di qualche buon “geometra” di centrocampo penalizza il movimento di alcuni dei nostri ma qualcosa di nuovo si è già notata.
La difesa adesso viene “ufficialmente” schierata a quattro con Celso trasformato definitivamente in terzino con il compito di non azzardarsi ad oltrepassare la linea di metà campo.

L’Acireale riusciva a raddoppiare nella seconda frazione di gioco grazie ad un calcio di punizione (e sono quindi 2 su 2 i gol realizzati su gioco fermo) del nuovo entrato Marino, forse aiutato da una deviazione fatale della barriera locale.

Archiviata positivamente la giornata e pensando al prosieguo del torneo, non possiamo che notare il cammino che ci attende da domenica prossima sino alla fine…dell’anno: incontreremo il forte Camaro tra le mura amiche per poi, dopo la parentesi in casa del Giaguaro Vaccaro, a Rosolini, attendere la super capolista Castiglione ed avvicinare a Riposto per chiudere.
Penso che in questo mini torneo ci giocheremo buona parte delle chances di agganciare la vetta o, perlomeno, di avvicinarci seriamente a certi traguardi; non dipende, ovviamente, solo da noi ma i nostri undici hanno il dovere di crederci considerando che incontreremo le prime due della classe e che in questi casi le vittorie pesano più dei tre punti matematici che muovono la classifica.

Da fonti provenienti dal web, il “rivale” Palazzolo, dopo l’esonero di Busetta, rischia di avere nuovamente la panchina vuota; si aspettano tempi duri per la formazione acredina, ritenuta la favorita del girone e che, francamente, sta deludendo le attese.

Attendiamo, come sempre, la domenica in via Pasiano e poi tireremo le prime somme di stagione.

Ci aspettiamo e chiediamo una vittoria sul Camaro, squadra difficile da incontrare anche se ieri passata in provvisorio svantaggio contro il Caltagirone, formazione che naviga nei bassifondi della classifica (a proposito: migliori fortune ai nostri amici calatini) ma che dimostra che in questo torneo forse non è ancora detto nulla…

Commento a cura di Emanuele Addia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...