Archivi del mese: giugno 2008

Germania sconfitta in finale

SPAGNA REGINA D’EUROPA! 

La Spagna si aggiudica l’Europeo di Calcio 2008 battendo per 1-0 (rete di F.Torres) la Germania apparsa molto nervosa e davvero poco pericolosa. Il gruppo delle furie rosse iberiche sembra in grado di poter continuare la serie di successi che buona parte dei giocatori dell’attuale Nazionale hanno conseguito nei vari campionati internazionali giovanili (under 17, under 20).

ilpres

Cittàcittà : l’opinione del Sindaco

 "La colpa è di tutti, nessuno escluso"
 
Invitato per la conclusione del programma "cittàcittà", fortunata trasmissione della tv locale Canale9, il Sindaco Garozzo risponde alle domande giunte da più parti sulla vicenda A.S.Acireale Calcio.
Amaro e per certi versi sconfortante lo sfogo del primo cittadino, "rimproverato" di non aver attenzionato bene la questione della squadra di calcio della città.
Nel dibattito con i giornalisti, in particolare con Gaetano Rizzo, viene finalmente chiarita la differenza imprenditoriale tra Acireale e Gela (città spesso citata come esempio di interessamento del suo Sindaco per le sorti della squadra: le multinazionali che operano in loco non si possono paragonare alla nostra imprenditoria); chiarito pure il fatto che nel calcio non si investe, ma di solito, specie a questi livelli, si va in passivo (cosa già nota…); infine ri-raccontato tutto l’iter del fallimento della nostra amata squadra:il fallimento inizial  per un gol al ’91 della Juvestabia (gol che vlase la retrocessione dalla C1), perchè senza quel maledettissimo gol delle vespe stabiesi, l’Acireale avrebbe aderito al lodo Petrucci, avrebbe ripianato i debiti e si sarebbe trovata a calcare ancora i campi di C2 (minimo). Le conseguenza di quel gol sono sotto gli occhi di tutti: fallimento, trattative per l’acquisizione di un titolo "straniero", la BOCCIATURA dell’idea a furor di popolo (non dimentichiamolo, perchè spesso l’abbiamo fatto, a partire da me che non tollero un titolo d’importazione), la volontà di Massimino di ricominciare da zero dalla Promozione, la vittoria del campionato e il recente esito di questo sventurato torneo che ci ha visti vagare per vari motivi in campo neutro e la deludente prestazione generale della squadra granata.
Dalle parole del Sindaco emerge il fatto che il Comune non può e non deve accollarsi alcun tipo di intromissione negli affari degli imprenditori (se con tal nome possiamo annoverare qualcuno tra i cittadini acesi…) nè si ha l’intenzione di scendere a compromessi con chicchessia per il rilancio della squadra.
Parole chiarissime, parole che scuotono definitivamente i tifosi, a cui non resta che un’ultima speranza per la salvezza della squadra granata: che avvenga un miracolo!
ilpres

Italia a casa

Germania – Spagna : finale EURO2008
 
Siamo rimasti indietro con gli aggiornamenti sull’europeo di calcio della nostra Nazionale. Contro la Spagna , l’Italia di Donadoni , non è stata mai propositiva, ha subito un pò il centrocampo avversario, ma tutto sommato non ha corso particolari problemi. Il vero nocciolo della questione è stato l’assenza di azioni degne di tal nome se si escludono due occasioni, una di Camoranesi appena entrato nel secondo tempo, con respinta di Casillas di piede e una di Di Natale che costringe il portiere spagnolo al balzo sotto la traversa per respingere un bel colpo di testa. Alla lotterie dei rigori gli errori di De Rossi (altro calcio di rigore sprecato, dopo quello importante di Manchester) e di Di Natale, sono decisivi per l’eliminazione. La è passata con merito alle semifinali.
 
Germania-Turchia è stata la prima semifinale. I turchi stavolta vanno a segno per primi, poi vengono raggiunti e superati fino al 40′ del secondo tempo quando sembra che il colpo "gobbo" dei rossi di Turchia riuscisse per l’ennesima volta: 2-2! MA stavolta il finale riserva la storia scritta al contrario: il 3-2 per la Germania arriva al 91′ .
La seconda semifinale è stata quindi Spagna-Russia, con i secondi vittoriosi contro la deludentisima Olanda di Van Basten.
La partita è però un’altra sorpresa: la Spagna ridicolizza i russi per la seconda volta nell’Europeo rifilando un altro rotondo risultato, dopo il 4-1 del girone di qualificazione: stavolta è "solo" 3-0 per le furie rosse!
 
Domani la finale di questo Europeo vedrà impegnato l’arbitro Rosetti, quale rappresentante della nostra nazione…Che sia sempre colpa degli arbitri (tirapiedi!)  la nostra eliminazione?!
ilpres
 

Italia ai quarti

 

 INCREDIBILE QUALIFICAZIONE!
-Nessun biscotto tra Olanda e Romania-

Super prestazione degli azzurri che vincono contro una deludente Francia, probabilmente giunta al capolinea del ciclo.
L’infortunio di Ribery si rivela importante e la grinta dell’Italia in formato Mondiale spazza la resistenza francese, i galletti sono apparsi vulnerabilissimi al centro della difesa, basti pensare che Toni ha tre occasioni identiche (lancio da distanza abissale del Geometra Pirlo da centrocampo) una delle quali provocherà la svolta della partita.

Adesso ci spetta la Spagna, formazione assai più in forma dell’attuale Francia, che presenta attaccanti veloci e forti e con un centrocampo ricco di qualità.
Sarà una partita dai tanti gol? Noi ci aspettiamo di sì!

FORZA AZZURRI!

Tutto fermo, Acireale senza futuro?

 DIETROFRONT: l’Acireale fermo al palo!
 
Poco più di una settimana fa, colti dall’entusiasmo, commentavamo una prossima cessione dell’Acireale. Un noto personaggio aveva infatti manifestato l’intenzione ad acquistare il titolo sportivo dalla famiglia Massimino garantendo un pronto rilancio della società granata. Peccato che il sig.Arturo Barbagallo (persona seria e competente) dopo aver trattato sul prezzo, dopo aver chiesto un paio di giorni per tirare le somme, dopo aver visto che il suo progetto fosse un sacco vuoto, ha preferito ritirare l’offerta ed ecclissarsi!
 
Alla luce di questo ennesimo tentativo a vuoto viene da chiedersi: perchè?
 
Perchè tutta questa agonia per vedere una squadra di Eccellenza dal costo di 70mila euro trattabili riuscire a fallire?!? Perchè continuare questo gioco al massacro del fegato? Possibile che essere tifoso di una squadra di eccellenza sia così difficile? Possibile che Acireale non sia in grado di mantenere una società in vita pur essendo una delle città con più tradizione calcistica della Sicilia?
Evidentemente…SI! E’ possibile che l’Acireale non riesca ad iscriversi ad un campionato di Eccellenza ed è possibile che, se lo farà, punterà ad una onesta salvezza.
Forse noi acesi viviamo in un mondo fatto di ricordi, dove il calcio era un fatto anche, e soprattutto, politico e quindi non ci rendiamo conto che senza una "giuda" interessata al calcio solo per altri motivi, nessuno mai si sogna di investire soldi in una squadra di pallone. Forse siamo vittime della mania di grandezza che in passatto ci ha allietato le domeniche, forse non vogliamo credere che il nostro giocattolo si è rotto definitivamente.
Siamo come in uno stato di coma vegetativo, siamo bloccati in tutte le nostre mosse, siamo inermi davanti all’imminente disastro.
Magari crediamo al Superman di turno che ci salvi ll’ultimo momento.
Vogliamo credere a qualche remota speranza, solo per la nostra amata maglia granata!
Commento a cura di Vincenzo Barbagallo

Vicenda A.S.Acireale

 ORE FINALI
 
Sembra volgere alla conclusione la vicenda della cessione dell’Acireale dalla famiglia Massimino, che però terrebbe il titolo a "garanzia" che lo stesso rimanga sempre nella città delle cento campane, alla cordata rappresentata da Arturo Barbagallo.
Magari proprio adesso, mentre si scrive questo commento, la firma sul contratto di cessione sarà stata già apposta, ma finchè non c’è l’ufficialità della notizia è bene stare con i piedi per terra. Le sorprese dell’ultim’ora hanno segnato la recente storia della squadra di calcio acese, perciò meglio attendere di conoscere reralmente nomi, programmi e ruoli all’interno della società.
L’augurio di tutti i tifosi è quello di vedere finalmente un’organizzazione societaria che sia degna della piazza. Pur non togliendo meriti alla famiglia Massimino, senza di loro il calcio sarebbe già un triste ricordo, sicuramente dal lato organizzativo ci si augura che le cose possano andare meglio. Nei due anni di gestione Massimino gli errori di progettazione societaria sono stati evidenti ed hanno dimostrato che oltre l’esperienza da maturare negli anni ed  una discreta quantità di soldi da spendere, è necessario avere le idee chiare su come doversi muovere a tutti i livelli e su tutti i fronti. L’esperienza garantita da Arturo Barbagallo, già segretario della squadra granata qualche anno fa (si era ancora tra i professionisti), dovrà allora essere assistita da una società forte, con un discreto budget e una buona programmazione per il futuro.
Speriamo di poter presto scrivere notizie più inerenti alle vicende sportive e di non doverci più preoccupare di crisi societarie pre-estive!
 
Commento a cura di Vincenzo Barbagallo