Archivi del giorno: 27 ottobre 2008

7ma Giornata Campionato di Eccellenza gir.B Sicilia

ACIREALE A.Grammichele 1-0
PERLA DELLE VEDOVE
– Punizione capolavoro del fantasista –
– Supremazia costante, vittoria di misura bugiarda –
– Domenica scontro col Camaro: esame di maturità in trasferta! –
 
Secondo minuto del secondo tempo, punizione dal limite, vertice sinistro dell’area di rigore: Delle Vedove sistema la palla a terra, rincorsa e con una splendida parabola mette nel sette lasciando immobile il portiere. Corsa sotto i 500 malati granata che, nonostante fosse lunedì, assiepano il campo di Nicolosi. Non è il sogno di un tifoso acese. E’ solo la descrizione del gol partita.
Dopo un primo tempo al massimo, finalmente, dopo avere costruito almeno 5-6 pallegol limpide, l’Acireale trova i tre punti e sfrutta a pieno il doppio turno casalingo. La distanza con le battistrada Ragusa e Milazzo è sempre di due punti, ma almeno non si perde ulteriore terreno.
Ci provano un pò tutti a segnare: Martelli, Rametta, Privitera, Scalia e capitan Costanzo. Tutti sono un pò imprecisi o trovano il portiere pronto alla miracolosa parata, come quando toglie da sotto la traversa un colpo di testa di Scalia che lascia disperare i tifosi sulle tribune. Primo tempo a tutta, dunque, con i granata padroni del campo eppur non capaci di trovare il gol.
Il secondo tempo si apre con la perla della partita e finisce sempre allo stesso modo: difesa granitica che amministra il vantaggio con grande autorità, Delle Vedove in cerca del bis con un bel tiro fuori di poco, Rametta fermato dal portiere dopo un bell’assiti di Costanzo.
Insomma, Acireale che si aggiudica i tre punti e che sembra voler continuare a dar fiato alla rincorsa.
Domenica è tempo di verità: il Camaro, nell’impianto del S.Filippo di Messina, ospita i granata di mister Zampollini. Prova da non fallire, prova di maturità: è qui che potrebbe aprirsi il campionato dell’Acireale. Notoriamente squadra scorbutica, il Camaro da due anni è in cerca di ribalta sia a livello regionale che a livello cittadino, dove il Messina dei Franza naviga in D con la tifoseria che pare aver abbandonato la barca in attesa di una cessione societaria.
I Granata devono tuttavia andare a Messina con un unico obiettivo: tre punti per regalare la prima soddisfazione ai tifosi (500 biglietti a disposizione per loro) e per cominciare a rialzare la testa dopo le prestazioni altalenanti di inizio stagione.
Commento a cura di Vincenzo Barbagallo

Sei di JACI se…

Sei di Acireale se – per qualsiasi discussione ci sia in mezzo vuoi far prevalere la tua ragione essendo una TESTA DI TRUNZU doc..
Sei di Acireale se – ad ogni cosa che ti meraviglia esclami “ MOORIA! ”
Sei di Acireale se – cominci le tue frasi con l’intercalare "M’BARE"
Sei di Acireale se – almeno una volta nella tua vita hai fatto le “ Chiazzette ”
Sei di Acireale se – anche in una domenica d’inverno ed esce un timido sole e non resisti a non fare colazione con granita di mandorla e brioches da Condorelli
Sei di Acireale se – ad ogni insulto che fai non aggiungi il sostantivo GRAN figlio di …. o GRAN pezzu di…
Sei di Acireale se – d’estate ami andare al mare a S. Maria la Scala perché odi la sabbia
Sei di Acireale se – quando sei all’estero critichi tutto di quello che non funziona ad Acireale
Sei di Acireale se – quando vedi qualcuno che è moscio in tutto quello che fa lo sproni con “Annachiti”
Sei di Acireale se – per te la ragazza acese è “a megghiu fimmina”
Sei di Acireale se – conosci l’utilizzo della parola: AVAJA
Sei di Acireale se – a piazza Europa parcheggi in 5°fila e ti lamenti se trovi la multa
Sei di Acireale se – utilizzi la parola SPACCHIO per indicare qualunque cosa
Sei di Acireale se – trovi normale chi va con lo scooter e non mette il casco
Sei di Acireale se – quando vivi fuori tendi a precisare che sei di ACIREALE e che non sei catanese
Sei di Acireale se – se quando vivi fuori dici JU CA NON CI MORU
Sei di Acireale se – se almeno una volta nella vita sei stato raccomandato!
Sei di Acireale se – ami la pasta “co trunzu” a  “ quarumi “ e le crispelle da Cordai
Sei di Acireale se – dici per te è un dovere mangiare con i piedi sotto la tavola
Sei di Acireale se – hai maledetto tutti per la fila in via Galatea
Sei di Acireale se – per carnevale ti metti a sfottere per tutti gli accenti strani che senti in giro
Sei di Acireale se – sei in trasferta per l’Acireale e al ristorante chiedi come contorno l’insalata di finocchio
Sei di Acireale se – "U CINCU D’ORU" non è solo una carta da gioco
Sei di Acireale se – il 20 gennaio è un giorno sacro per te
Sei di Acireale se – quando una cosa è finita affermi sorridendo “stujti u mussu”
Sei di Acireale se – la prima domenica di ottobre vai a zafferana
Sei di Acireale se – da piccolo se per le fesitività dei morti hai ricevuto come regalo una pistola a piombini
Sei di Acireale se – sai chi sono : ”Turi a Peccia, Robettu a Ciolla, Mariu u pazzu ,Non mollare , Bastiana a Obba”
Sei di Acireale se – "PPI SAMM’ASTIANU MASCHIRA IN CHIANU"
Sei di Acireale se – i tuoi amici per te sono la tua seconda famiglia
Sei di Acireale se – quando vai da qualche parte cerchi sempre il biglietto omaggio
Sei di Acireale se – dici di essere amico di chiunque
Sei di Acireale se – per la vigilia di natale vai a vedere “u Zuccu” a piazza Duomo
Sei di Acireale se – chiami i catanesi “NZUNZATI” se chiami i messinesi “buddaci” se chiami i giarresi “giaroti”
Sei di Acireale se – i siciliani dell’entroterra sono di mentalità paesana
Sei di Acireale se – se in ogni parola raddoppi le singole e triplichi le doppie
Sei di Acireale se – quando hai la fame improvvisa ti rechi in C.so Italia per mangiarti un panino
Sei di Acireale se – guardi con diffidenza chi vorrebbe dire in dialetto "questa è mia" ma dice “ è da me”
Sei di Acireale se – quando sai che devi andare a letto con una ragazza dici “SUGNU DI FODERO”
Sei di Acireale se – quando conosci i posti al mare : “ A CACATA “ , “ U SCOGGHIU BETTAZZI”, “A PETRA SAPPA” e “U SCOGGHIU NN’INTRA”
Sei di Acireale se – quando per fare un complimento ad una bella ragazza le dici “T’ALLICCASSI TUTTA”
Sei di Acireale se – per andare a comprare dei vestiti non puoi fare a meno di 5 € di benzina.
Sei di Acireale se – quando c’erano Aleppo e Nicolosi…! (e se non approvi ti finisce male)
Sei di Acireale se – una colomba ti ha cacato almeno una volta quando esce la sposa sul sagrato di San Sebastiano
Sei di Acireale se – quando il Catania perde deridi i tuoi colleghi, mentre quando vince dici che non segui il calcio.
> Sei di Acireale se – la tua squadra è sempre presa per il culo da tutti…ma alla fine la vuoi bene ugualmente
Sei di Acireale se – almeno una volta a settimana ricordi la serie B
Sei di Acireale se – butti il pacco di sigarette a terra perchè non oseresti sporcare quelle belle sculture in ghisa ogni 50 metri
Sei di Acireale se – per te i bus e le biciclette sono per i meno abbienti…ma se vai al nord ti piace sottolineare come tutti vadano in bici e prendano i pullman
Sei di Acireale se – non sai tradurre in italiano il termine squaratu
Sei di Acireale se – non hai mai capito perché i catanesi chiamano acesi gli AGITANI pur sapendo che gli acesi nel loro dialetto non pronunziano mai la lettera G! ma la J es: gioco:jocu, giocattolo:jucattulu, gatto:jattu, gallo:jaddu, giornata:junnata , etc..!!!!!!

Infine:
Traduciamo la frase (tipo quando lo facevate per le versione latine o greche, amici CLASSICI)
"Ci vediamo al mercato, vedi di dirlo anche ad Alfio e Angelo, ok?"
> A Catania:  "M’bari, chi spac.. si? Ni viremu a piscaria, scecca di diriccillu a Gangelo e a Gaffiu! U capisti?"
> Ad Acireale:  "Au beddu! Ni videmu a chiazza, diccillu a Jangelu e a Jaffiu! Ti salutu"

Alla fine te ne fotti di tutto e tutti e questa città la ami perché è così com’è, con il il sole, il mare, la granita, u Cossu Umbettu, piazza Europa e i loro personaggi che quotidianamente ti regalano le rughe del sorriso!