11ma Giornata Campionato Eccellenza gir.B Sicilia

 ACIREALE Rosolini 2-1
Corbino BIS!
– 5 gol in due partite: l’attaccante che ci voleva! –
– Costanzo assist-man svogliato –
– Il pareggio tra Milazzo e Ragusa porta i granata a -1 dalla vetta –

L’Acireale regola con un buon primo tempo il volenteroso Rosolini che nulla ha potuto opporre alla grande vena del duo Costanzo-Corbino che ha sfornato i due gol in fotocopia: assit del Capitano e gol del Cobra.
Eppure l’unica distrazione della difesa è stata pagata con il gol del Rosolini che ha per un attimo turbato il pomeriggio dei 1000 acesi giunti nella seconda casa di Pedara.

L’Acireale parte subito forte e colpisce il 4° legno in tre partite: Costanzo, servito da Consoli, coglie la parte alta della traversa con un bel colpo di testa a scavalcare il portiere ospite. Il gol granata è il coronamento di una bella azione sulla sinistra: Bognanni mette in mezzo l’area per corbino che triangola stretto con Costanzo e deposita in rete nonostante la mano del portiere tocchi il pallone.
Sulle ali dell’entusiasmo i granata controllano la partita e cercano il colpo del ko. Ma quando meno te l’aspetti, il Rosolini trova il gol. Punizione dal limite, schema che prevede l’apertura a sinistra e l’immediato cross basso su cui la difesa granata si fa cogliere impreparata, Privitera cicca il pallone che in mezzo all’area di rigore viene messo in gol da un giocatore ospite.
L’esultanza ospite dura meno di un minuto. Palla al centro e il solito duo Costanzo-Corbino dialoga a centrocampo e confeziona il gol: assist in profondità del primo, Corbino controlla e prova a freddare il portiere in uscita, il tiro è rimpallato da un difensore ma assume uno strano effetto che scavalca il portiere. 2-1 giusto e Acireale consapevole che non si può mai abbassare la guardia. Così sono altre tre le occasioni per chiudere la partita: Costanzo con un tocco da vicino vede il pallone allontanarsi di un niente dalla porta, Perricone di testa sbaglia un gol fatto e Corbino incrocia troppo il tiro che termina di poco a lato.

Secondo tempo di tutt’altra musica: Rosolini mai pericoloso, ritmo basso, Acireale che controlla senza proporre nulla se non qualche sgroppata di Martelli sulla sinistra e una punizione di Consoli di poco fuori. Pochino, ma sufficiente a vincere la partita che proietta i granata ad 1 punto dal Milazzo.

Adesso il calendario prevede tre turni verità: Biancavilla e Milazzo fuori, con l’intermezzo del Due Torri, probabilmente al Tupparello. Partite che dovranno misurare le reali forze dell’Acireale, certo, ma anche delle altre tre squadre: Biancavilla che si sta ben comportando, a quota 18 punti, Due Torri che attualmente è dietro l’Acireale di un punto (21) e il Milazzo capolista con 23 punti reduce domenica dallo spigoloso pari conquistato a Ragusa.
Insomma, per Zampollini ed i suoi uomini è una vera prova di continuità. L’Acireale sembra poter finalmente togliere il velo e dimostrare a tutti che "non c’è minchia ca teni": la corrazzata riuscirà ad abbattersi sul campionato?

Commento a cura di Vincenzo Barbagallo

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...