14ma Giornata Campionato di Eccellenza girone B Sicilia

 Milazzo ACIREALE 2-0
A picco!
– Mai in partita, i granata si inchinano alla capolista –
– Grinta e cuore contro la tecnica: in un campo pessimo serve il sudore! –
 
Sabato abbiamo assistito all’ennesima figuraccia di questo campionato.
L’ambiente granata ha voglia di predicare gli ingredienti che servirebbero per vincere il campionato, ma la squadra non recepisce nulla e anzi offre la prova più scandalosa di tutta la stagione.
Doveva essere il match clou del campionato, la SVOLTA tanto attesa dai tifosi, in primis, ma anche da tutti gli addetti ai lavori. Invece la svolta c’è satta, ma nel senso opposto: il Milazzo vince senza strafare, senza aver sciorinato altro che lanci lunghi e tanta grinta contro una squadra impacciata per le condizioni del campo di gioco, ridicole davvero, e per le numerose assenze. Acireale in difficolta subito, quando al 9′ il Milazzo si presenta sotto la porta di fesa di greco: sugli sviluppi di un calcio d’angolo un giocatore di casa non trova lo specchio della porta e la palla finisce sul fondo da due passi. L’altra chance per i rossoblù di casa è ad opera del numero 9 Orioles che , lanciato in verticale, supera di slancio Perricone e spara a colpo sicuro dal vertice dell’area piccola, SuperGreco devia in angolo.
E l’Acireale?
L’Acireale è tutto nell’azione che chiude il primo tempo: calcio d’angolo a favore del Milazzo, la difesa granata riesce a lanciare Consoli che a sua volta, serve in velocità Bonarrigo, Corbino si inserisce a destra, viene servito davanti al portiere…ma manca l’appuntamento con la palla in maniera clamorosa.
I Granata si spengono qui. La squadra sembra rimanere negli spogliatoi. Eppure durante i primi minuti del secondo tempo è l’Acireale che pare aver preso le misure al campo. Invece al primo calcio d’angolo del secondo tempo, siamo al 55′ , dopo un batti e ribatti in area, l’immobilità della difesa acese viene sfruttata dai padroni di casa: 1-0 e partita in discesa.
L’Acireale cerca di imbastire qualche trama di gioco, ma poi deve affidarsi ai lanci lunghi che sono preda dell’attenta difesa mamertina. Così, i rossoblù chiudono i conti al 66′: altro corner, inzuccata di Orioles, palla sul palo e tapin vincente fra 8 giocatori in maglia granata.
Fine del match, fine della fiducia a società ed allenatore.
Gli ultras acesi tolgono gli striscioni e mugugnano, abbandonano gli spalti e si preparano alla contestazione a tecnico e Direttore Sportivo.
Contestazione che avviene al rientro a casa dell’autobus che ospita la squadra: Zampollini e Marletta sono bersaglio delle invettiva e di un paio di uova. Il messaggio è chiaro: VIA DA ACIREALE!…Subito!
Commento a cura di Vincenzo Barbagallo
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...