Archivi del mese: aprile 2010

15ma ritorno Campionato di Eccellenza Sicilia gir.B

 ACIREALE Biancavilla 0-0
GRAZIE RAGAZZI!
– Solo un pareggio nell’ultima giornata: record incrementato, miglior difesa, miglior attacco, 15 giocatori a segno –
– Lunedì festa in piazza –
L’Acireale chiude il campionato collezionando il quarto pari casalingo della stagione, contro un Biancavilla che ha giocato onorando l’impegno anche se si è salvato dalla capitolazione in diverse occasioni. Con il punto conquistato l’Acirreale di Mister Breve incrementa il record di punti, mantiene a zero la casella delle sconfitte e conquista il titolo di difesa più forte del torneo. Quello di miglior attacco lo centra insieme al Vittoria.
Insomma numeri da grande squadra, come era nelle previsioni della vigilia, anche se vincere il torneo non è stato facile , vista la concorrenza di Noto e Vittoria, ma il team granata è risultato essere più forte di tutto, ambienti ostili compresi!
 
La partita di oggi si è disputata tra pochi intimi, i soliti 700 malati che hanno seguito dagli salti con un clima degno della uggiosa Inghilterra, con una pioggerellina fastidiosa che ha bagnato tutti dal primo all’ultimo minuto di gioco.
Sicuramente l’impegno della due squadre non è mancato, con il Biancavilla che si è schierato abbastanza bene in difesa, rischiando il giusto contro un Acireale che senza forzare troppo collezionava occasioni da gol, senza trovare la giusta conclusione che sblocasse la gara. Forse un pò di rilassatezza ha fatto mancare l’istinto del killer ai giocatori acesi: ma a fine stagione ci può stare.
 
Si chiude il sipario sulla stagione 2009/10 e adesso occorre già pensare al domani. Se la società riuscirà a garantire un budget adeguato alle ambizioni della piazza il futuro è davvero roseo, perchè sulle qualità di Mario Marino non si discutono, e con lui al timone della gestione della società, ci sentiamo in una botte di ferro. Occorre quindi trovare subito le sinergie per dare quella stabilità economica che quest’anno non è mancata e che ha portato ai risultati senza spendere per questo cifre esorbitanti.
DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO!
 

14a ritorno Campionato Eccellenza Sicilia gir.B

 Aquila Caltagirone ACIREALE 0-1
ADESSO E’ RECORD
– 75 punti: in Eccellenza Sicilia mai nessuno meglio dei granata –
– Domenica ultimo match casalingo : rimpinguare il bottino! –
 
In una giornata che non si può certo annoverare come tra le più significative del torneo di Eccellenza, l’Acireale vince l’incontro rischiando un pò a causa dell’inferiorità numerica causata dall’espulsione di D’Angelo per doppia ammonizione. L’obbiettivo dei ragazzi di mister Breve era mantenere a zero la casella delle sconfitte e magari uscire con una vittoria. Tutto rispettato in pieno, nonostante le difficoltà dovute al turnover forzato che Breve deve fare per le assenze di alcune pedine fondamentali, alcune appiedata del giudice sportivo, altre causa malanni di fine stagione.
Così in porta viene confermato  Calabretta, Patanè prende il posto di Montella , D’Angelo-Fascetto e Pagano completano la difesa; a centrocampo, fuori capitan Costanzo, Aiello-Zumbo-Puglia e Truglio un pò più avanzato si occupano della manovra; in attacco spazio a Esposito e Petrolà.
 
Parte col piglio giusto l’Acireale, anche se non suda le proverbiali sette camicie: fa il suo dovere, ma non alza il ritmo, eppure questo basta per essere padrona del campo. Petrolà vorrebbe segnare e ci prova con insistenza senza essere fortunato. Così tocca a Truglio segnare il gol del vanteggio e del Record di punti in campionato. Zumbo dialoga con Esposito che dal limite in posizione centrale imbuca per l’inserimento di Truglio, il portiere calatino ci mette il piede, ma il numero 7 granata rincorre il pallone ed insacca a porta vuota. Possono esultare i soliti 250 malati di Acireale che onorano l’impegno con la presenza nonostante sia una partita del tutto inutile ai fini del campionato.
Il Caltagirone animato dalla voglia di non sfigurare si rende pericoloso un paio di volte su calcio da fermo, ma Calabretta ed Esposito evitano il gol con due interventi strappa applausi (Esposito salva in acrobazia sulla linea).
Nel secondo tempo, clima vacanziero che attanaglia tutti, compreso D’Angelo che mette la mano in un cross dalla sinistra e trova il secondo giallo della partita. il tempo di una leggera pressione del Caltagirone (che comunque meriterebbe il pari, quanto meno per aver tirato in porta) che porta alla traversa di un difensore sempre su calcio piazzato , e davvero poco o nulla. In ogni caso all’acireale capita pure la palla dello 0-2 ma Patanè finalizza malissimo un assist di Varrica proprio alla fine dell’incontro.
Adesso manca l’ultimo impegno per poter definitivamente archiviare l’esperienza di 4 lunghi anni nel dilettantesimo regionale. C’è da rimanere imbattuti, da rimpinguare il bottino di punti in classifica e da chiudere in bellezza davanti il pubblico amico. Poi si potrà pensare alle amichevoli di lusso che si spera la società riesca ad organizzare ed infine un occhio alla prossima stagione che dovrà essere un punto di partenza per le ambizioni della piazza acese.
Commento a cura di Vincenzo Barbagallo