10a giornata Campionato Serie D gir.I

ACIREALE – Ebolitana 0-2
ABBATTUTI A DOMICILIO
– La capolista passa con merito –
– Attacco muto: zero gol e zero punti in due gare –

Un bruttissimo Acireale cede le armi all’Ebolitana, apparsa più compatta e più cinica nella ricerca del risultato. Un gol per tempo: uno in sospetto fuorigioco, uno nel momento migliore dei granata. Poco altro a dir la verità, ma tanto è bastato a mettere in ambasce il gioco dell’undici di Breve.
Confermata in larga parte la squadra che ha ben figurato a Caserta: Mannino in porta; Montella-D’Angelo-Fascetto-Pagano da destra a sinistra; Puglia-Calà Campana-Zumbo; Riccobono-Dama-Cavaliere.
Esordio dunque per il giovane esterno Cavaliere, che però è apparso subito in difficoltà: scherzi dei regolamenti che costringono gli allenatori a schierare giovani senza esperienza.
In ogni caso, l’Acireale è apparso troppo timoroso, forse spaventato del ruolino di marcie esterno dell’Ebolitana: 5 vittorie su 5 gare alla fine dei 90 minuti al Tupparello.
La paura dei granata, la cattiva giornata dell’intero undici –senza distinzione- e la compattezza dell’undici campano hanno messo a dura prova la pazienza e le apsettative di una piazza che non aspetta altro che un segno per sperare in un campionato diverso dalla semplice salvezza. Peccato che i risultati contro le due battistarda del torneo hanno dato verdetto negativo: in questo momento l’organico granata non può lottare con le grandi. Per noi, nessuna novità! Lo predichiamo da tempo, l’Acireale starà a ridosso delle prime, ma non ha i mezzi –economici e tecnici- per pensare al altro.
Solita ingenuità difensiva, accompagnata da una svista del segnalinee, e gol dell’Ebolitana dopo 20’ di sostanziale equilibrio. L’Acireale non si rialza e anzi aumenta il volume degli errori senza mai creare pallegol.
Nella ripresa un minimo di orgoglio esce fuori, ma sono scarsi i risultati: il gioco non decolla, l’Ebolitana tira fuori tutto il mestiere del caso e spezza il ritmo della partita. L’unica fiammata dell’Acireale è un colpo di testa di Dama, su servizio del solito Montella, con palla che si spegne di poco a lato.
Un errore a centrocampo spiana la strada del raddoppio ai ragazzi di Pensabene: Nigro si infila al centro della difesa e di giustezza deposita in gol. Partita finita. Fischi sonori al rientro negli spogliatoi.

Commento a cura di Vincenzo Barbagallo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...