Archivi del giorno: 12 dicembre 2010

18a giornata Campionato di Serie D gir.I

ACIREALE – Marsala 3-1
L’Acireale brinda col…Marsala!
– Fascetto-Sicali-Pagano : tre gol per scacciare la crisi-
– Sabato si chiude col Sambiase : serve continuità! –

I derby al Tupparello portano bene: terza vittoria su 4 scontri tra isolane e l’Acireale vede un pò di luce e qualche spiraglio di buon gioco.
Gli infortuni costringono Breve a rivoluzionare per l’ennesima volta la squadra:  Romano tra i pali; Pagano-Fascetto-D’Angelo-Mannino ; Puglia-Zumbo-Calà Campana-Montella; Sicali e Senè. 4-4-2 con Montella più avanzato per garantire una spinta maggiore vista l’assenza di Riccobono. Debutto per Senè seppur non al meglio della condizione.

L’Acireale parte bene, ci prova si dall’inizio. Il neo granata Senè, molto mobile e già calato nel ruolo, scaglia ul tiro che si perde alto sulla traversa. Il gol granata arriva grazie ai piedi di capitan Fascetto: punizione dal limite, il rasoterra oltrepassa la barrierra e si insacca alle spalle del portiere ospite. Al 13’ siamo già 1-0.
L’Acireale continua a pressare l’avversario e cerca il gol della tranquillità: al 18’ Sicali controlla e batte a rete trovando il 2-0.

Il Marsala non si arrende e pesca il jolly con un tiro strano che si insacca nel sette. 2-1 poco prima del 25’.  L’Acireale pare un’altra squadra rispetto alla scialba di mercoledì. Ci prova a chiudere l’incontro e cerca il terzo gol.  Si va al riposo con una sensazione di tranquillità per la squadra ritrovata.

Nella ripresa il Marsala ci prova di più, ma non fa correre mai un pericolo a Romano. Sono gli uomini di mister Breve a  sfiorare il gol ripetutamente. Senè fa salire la squadra e fa reparto ; Sicali pare molto mobile e galvanizzato dalla rete corre come un forsennato. Perfino Zumbo riesce a trovare l’occasionissima: il suo tiro strozza l’urlo in gola ai tifosi acesi perdendosi a lato incredibilmente.
Il Marsala crea qualche occasione gettanto palle in mezzo all’area, ma di pericoli non si vede traccia. Così, al 40’ Sene si presenta solo davanti al portiere , serve Pagano che deve solo prendere la mira e depositare in gol. Il 3-1 chiude la contesa.