Tempo di Bilanci

as

Tempo di bilanci di fine anno, non solo quelli meramente economici, che sono importantissimi, ma anche di quelli tecnici  legati ai risultati conseguiti in campo.
L’Acireale chiude un Campionato dal doppio volto .

La stagione dell’Acireale si può scindere in due “epoche” l’epoca Breve, durata 20 giornate, e l’epoca Infantino, tecnico che ha guidato la squadra nelle ultime 16 giornate, conquistando la salvezza della categoria senza passare dei playout.
Un’unica costante ha pervaso la stagione: il mal di trasferta che ha pesantemente condizionato il cammino dell’Acireale nell’una e nell’altra fase.
Iniziamo dai numeri inanellati da mister Breve: 5 vittorie 5 pareggi e 10 sconfitte con 20 gol fatti e 27 subiti. Sono 20 i punti conquistati dalla squadra granata.
Partono a rallentatore i ragazzi di mister Breve: 2 sconfitte alle prime due uscite, ma si dice che è frutto del via via di inizio stagione. Poi 5 risultati utili consecutivi fino alla partita di Caserta, crocevia in negativo della stagione. Eppure i granata, contro la Casertana  sciorinano un buon calcio:  i falchetti vincono 2-0 ma sudano la proverbiali 7 camicie e ci rimbombano ancora nelle orecchie i complimenti degli addetti ai lavori che parlano di un Acireale che sarebbe uscito dai bassifondi della classifica. Invece i granata inanellano una serie nera di prestazioni facendo accendere l’allarme nei tifosi e nella società. Le 4 sconfitte esterne consecutive, combinate dai passi falsi interni contro Ebolitana, Forza& Coraggio e Cittanova chiudono definitivamente i sogni di gloria all’ambiente, relegando i granata alle soglie del baratro.
La sconfitta interna contro il Cittanova segna anche la fine dell’era Breve. Il tecnico della promozione in D viene esonerato perchè la squadra non appare più in grado di reagire alle disavventure che le capitano di volta in volta. Serve una scossa ed un allenatore di temperamento che dia alla squadra la giusta mentalità per tirarsi fuori da una situazione inattesa.
La scelta della società cade su Piero Infantino, un mai dimenticato ex gladiatore acese, roccioso difensore che ha scritto alcune tra le pagine più belle dalla storia granata.
Infantino ha come obiettivo la salvezza della categoria senza passare dai playout: parte un minicampionato di 16 giornate. In casa i risultati sono lusinghieri: 6 vittorie 1 pareggio  1 sconfitta (al debutto al “Tupparello”contro la Nissa, con un aiutino da parte dell’arbitro che costrinse in 10 i granata e assegnò un rigore dubbio ai nisseni). Il mal di trasferta invece  non ha abbandonato la squadra, anche se le sconfitte (ad eccezione di quella di Benevento contro  una Forza&Coraggio lanciatissima all’inseguimento dell’ Ebolitana) sono tutte di misura ed accompagnate da buone prestazioni. Solo quella di Modica e l’ultima di Marsala lasciano perplessi i tifosi, per tutte le altre un Acireale grintoso è stato punito da qualche episodio. Tra questi ricordiamo un’altra prestazione super a Eboli, quando solo un generoso rigore al 94’ condannò i granata. Ad ogni modo atteggiamento diverso, ma stessi risultati: 1 vittoria 1 pareggio 6 sconfitte. Casa-fuoricasa: stessi numeri specchiati al contrario. 6 vittorie in casa-6 sconfitte fuori; 1 –1 i pareggi; 1 sconfitta interna 1 vittoria esterna.
In questa fase le reti segnate sono 19, quelle subite 15. Di cui al solito soltanto 2 sono i gol fatti in trasferta contro gli 11 subiti!
Dall’analisi dei freddi dati della classifica possiamo evincere che il vero male della squadra è stato il disastroso rendimento esterno: 1 vittoria, 5 pareggi e ben 12 sconfitte totali. Il magro bottino di 8 punti si ripercuote sulla classifica finale in maniera evidente: l’Acireale è salvo grazie alla roccaforte “Tupparello”.
Mancanza di personalità, sfortuna o stagione che si è incanalata in un certo modo e che neppure le buone prestazioni  sono riuscite a cambiare?
Nessuno ci potrà mai rispondere, certo è che fare affidamento al solo rendimento interno è rischioso, come abbiamo potuto notare in questo campionato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...