14a giornata Campionato Serie D gir.I

Nuvla S.Felice Nola – ACIREALE 3-2
LA STORIA INFINITA
– Dall’ 1-2 al 3-2 in tre minuti di follia –
– Emergenza in difesa per giovedì –

Episodi. Attimi.Situazioni. Si invocano queste parole alla fine delle partite e il più delle volte sono tutte parole che hanno un certo peso.
Quando una squadra si ritrova in 10 per un’ingenua espulsione di uno degli uomini tra i più positivi della stagione; quando si fa di necessità virtù, ma vieni raggiunto e superato negli ultimi 120 secondi di partita, difficile non evocare le tre parole magiche.
Episodi. L’episodio che si rivelerà decisivo è l’espulsione di Mautone. Il jolly granata si fa beccare in una stupida ed inutile reazione: un avversario gli tira violentemente il pallone, lui ha la cattiva idea di ritornargli la pallonata, solo che lo colpisce  in pieno volto, stendendolo. Espulsione giusta e  meritata.
Situazioni. Sull’1-2 per i granata all’88  il Nuvla batte male una punizione dal vertice destro dell’area di rigore, la palla termina out. Sospiro di sollievo bloccato dall’arbitro che fa ripetere la punizione. Stesso tiro , ma stavolta la traiettoria è beffarda e la palla schizza in gol.
Attimi. Quando hai tre possibilità per chiudere il match e non ci riesci per una decisione sbagliata, per una frazione di secondo di ritardo, per averci pensato un secondo in più,per troppa sicurezza  allora è normale che a fine gara ti rosichi le mani e tutto il resto!

Sul campo oltre i tre punti l’Acireale lascia due giocatori: Mautone, come già descritto e Vezzosi, che rimedia due ammonizioni negli ultimi minuti di gioco.
La cronaca del primo tempo vede un sostanziale equilibrio nella prima parte della gara, fino al 20’ quando il Nuvla cerca con una certa convinzione il vantaggio che arriva dopo due salvataggi di Vezzosi, prima e Zelletta dopo. Sul cross dalla sinistra, Volpicelli in beata solitudine piazzato sul secondo palo, realizza il vantaggio dei bianconeri di casa.
L’Acireale reagisce subito in avvio di ripresa, Savanarola riesce a trovare un rigore che si incarica di battere. Il tiro del numero 11 è parato dal portiere e allora è Zumbo ad appoggiare in rete il tap-in vincente. Mautone trova il tempo per la reazione già descritta e  l’Acireale in 10, trova la quadratura del cerchio e passa in vantaggio. Panepinto pesca Savanarola in area, il taglio dell’attaccante granata è preciso così come il tiro al volo. 1-2 e quarto gol per il giocatore acese doc.
Non mancano le occasioni per chiudere la gara in contropiede. Radicchio è tanto bravo ad involarsi verso la porta quanto lento a farsi recuperare da un difensore che evita la conclusione dell’attaccante. Ancora il numero 9 granata conduce un contropiede, ma pecca d’egoismo e scocca un tiro dal limite rimpallato invece di aprire il gioco ai compagni.
Infine la più clamorosa occasione è ancora sui piedi di Savanarola. : Trovato lo pesca solo soletto al centro dell’area, in pratica è un rigore in movimento, ma la palla è clamorosamente fuori dopo il suo tocco.
Il Nuvla ringrazia il suo Santo protettore e  disordinatamente si riversa in avanti. Al 88’ una innocua punizione dal vertice destro dall’area di rigore viene fatta battere due volte dall’arbitro. Sulla seconda conclusione, Ferraro trova il pareggio. Ma la beffa è servita un minuto dopo: lancio lungo in area, l’arbitro punisce un sandwich di Zelletta e Vezzosi, molto dubbio, e su rigore il capitano del Nuvla sigla il 3-2.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...