20a giornata Campionato Serie D gir.I

ACIREALE – Palazzolo 1-0
EN PLEIN!
– Gara sofferta: Lombardo trova il gol risolutore –
– Domenica scontro contro la capolista Hinterreggio –

Missione compiuta, l’Acireale sfrutta il doppio turno casalingo e fa bottino pieno prima di un trittico di gare davvero difficile per l’undici granata: Hinterreggio, Messina e Marsala saranno banchi di prova tutt’altro che semplici per i granata di Gardano.
Acireale schierato con un 4-1-2-3 : Zelletta tra i pali; Silvestri-Lombardo-Vezzosi-Trovato; Mautone; Zumbo e Panepinto; Savanarola-Lo Bosco-Godino.
Apre le danze l’Acireale con Zumbo che lancia Godino sull’out sinistro: servizio per Lo Bosco che lavora bene il pallone al limite dell’area e tira di poco a lato.
Siamo al 6’ ma da qui in poi sale in cattedra il Palazzolo.
Forte della sua posizione in classifica e dello spessore del suo organico, Galfano chiede ai suoi di prendere in mano le redini dell’incontro: così al 16’ Cristiano svetta in area solo soletto su calcio piazzato ma spreca la più facile delle occasioni alzando la mira.
All’11’ Spampinato ricorda dei suoi trascorsi di calcio a 5  e si fa spazio al limite dell’area di rigore e riesce ad incunearsi sulla sinistra: il tiro-cross da posizione decentrata si stampa sul palo opposto.
Il Palazzolo ha in mano le redini dell’incontro, ma al 26’ Contino si fa beccare in un fallo a gioco fermo su Silvestri, il segnalinee è attento e lo fa espellere.
L’espulsione gira il match e l’Acireale cerca di far valere l’uomo in più.
Al 29’ Savanarola è colto in un fallo di mano che vanifica il suo bel diagonale che supera Ferla.
Al 33’ Mautone impegna su punizione i riflessi di Ferla che si distende e para.
Ancora Mautone protagonista al 43’, stavolta in veste di suggeritore: Lo Bosco si ritrova davanti Ferla e gli spara addosso un tiro che meritava un’altra fine.
Al 47’ azione manovrata dell’Acireale: la palla circola veloce da destra a sinistra e trova Godino libero in area di rigore, ma il giocatore ci pensa troppo e la sua non è nè una conclusione nè un tiro.
Alla ripresa del gioco è Trovato a scaldare le mani a Ferla da 30 metri, la palla è centrale ma il volo plastico del portiere evita il gran gol.
L’Acireale tenta di mettere a frutto il vantaggio numerico e ci riesce al 7’: Lombardo svetta a centro area e segna quello che sarà il gol-partita.
Il Palazzolo a questo punto cerca organizzarsi e riesce a far paura all’Acireale, che d’altra parte ha bisogno del bottino pieno e gioca un pò troppo contratto.
Al 12’ Arena ci prova da 25 metri e spara altissimo.
Si soffre a centrocampo, ma al 25’ Savanarola sfrutta una giocata di Zumbo, s’invola in area di rigore e davanti a Ferla prova il servizio a centro area per un marcatissimo Lo Bosco che non può intervenire.
Al 28 anche Zumbo prova la botta da fuori, ma il tiro è alto.
Al 30’ Mautone tenta il gol su punizione, Ferla è attento e riesce a deviare il forte rasoterra del centrocampista granata.
Al 32’ il Palazzolo torna pericoloso con il neo entrato Panatteri: l’attaccante gialloverde viene contratto in calcio d’angolo da Vezzosi.
Al 34’ grosso brivido per l’Acireale: Cristiano solo soletto elude la disperata uscita di Zelletta mandando di testa sulla traversa prima che Trovato riesca a sbrogliare  la situazione.
Il forcing del Palazzolo produce apprensione all’undici granata, anche se dentro l’area di rigore gli uomini di Galfano non entrano mai. Così dalla distanza ci prova Bonarrigo in un paio di circostanze ma solo al 43’ Zelletta deve distendersi per parare il tiro del numero 10 ospite.
L’ultimo pericolo per la formazione granata giunge al 46’ ma Zelletta riesce a mettere la mano sulla conclusione ravvicinata di un giocatore del Palazzolo.
Ma l’ultima emozione della partita è al 48’ ed è di marca granata: Ferla si getta in area di rigore avversaria per l’ultimo assalto su calcio d’angolo, la difesa granata ribatte e lancia il contropiede, Zumbo si getta in un coast to coast e serve Trovato dentro l’area avversaria: il tiro del terzino è potente ma impreciso.
Alla fine il pubblico premia la volontà e lo spirito di sacrificio dell’undici granata e stavolta piovono applausi dalle tribune.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...