23a giornata Campionato Serie D girone I

Marsala – ACIREALE 1-1

Minuto numero 85: Zelletta , forse ingannato dal vento, valuta male un lungo spiovente e non agguanta la sfera concedendo un corner alla squadra di casa. L’area di rigore si affolla, Daniele Conti scaglia un violento traversone all’altezza del primo palo, il neo entrato Palmiteri anticipa tutti e con una frustata di testa gonfia la rete. Un film gia’ visto per l’undici di Gardano, costretto ad incassare l’ennesimo colpo sul rettilineo d’arrivo. Assente Lo Bosco (non abbiamo notizie a riguardo, ndr) , Gardano disegna un 4-3-2-1 con Iannelli , il migliore dei suoi al pari di Fascetto, prima punta. Sciacca, dal canto suo, lascia inizialmente in panchina l’acciaccato Palmiteri e lancia un 4-3-3 in cui spicca la cerniera di centrocampo formata dal trio Conti-Giacalone-Fina. Pronti via ed è subito Conti a spaventare Zelletta con un destro dalla distanza che timbra in pieno la traversa. L’occasione degli azzurri non spaventa l’Acireale che inizia a tenere il pallino del gioco con una certa continuita’. Iannelli, dopo un bel destro dalla distanza, inizia a far ammattire Matinella ed Impicciche’ ispirando le manovre offensive dei granata . Intorno al 27′ una bella giocata corale libera Zumbo che dal limite spara oltre la traversa dell’ex Di Masi. Il Marsala soffre il ritmo degli acesi che iniziano a collezionare calci piazzati nei pressi dell’area di rigore avversaria. Proprio da un calcio franco, siamo al 44′, nasce il gol dell’Acireale: Fascetto , leggermente spostato sul versante destro del limite d’area, fa partire un forte tiro che va ad infrangersi sul braccio destro di Marco Fina. Il rigore appare netto ma Giacalone e compagni protestano in maniera veemente contro la terna arbitrale. Dopo circa due minuti lo stesso Fascetto indirizza, con un forte tiro rasoterra, la sfera in fondo al sacco. Di Masi puo’ soltanto intuire distendendosi sulla sua destra. Il duplice fischio del direttore di gara scatena le proteste dei locali che prendono di mira l’arbitro e l’acese Godino. La ripresa si apre con D’Adamo al posto dell’ammonito Godino. Parte bene l’Acireale che mantiene il pallino di gioco grazie ad un generoso Savanarola sempre pronto ad assecondare i ricami di Iannelli. La coppia difensiva Mautone-Fascetto chiude con disinvoltura le incursioni velleitarie del numero 9 Farina. Al 7′ Ciccio Mautone stacca in terzo tempo e per questione di centimetri non inquadra la porta. Al 16′ un tiro senza troppe pretese di Farina viene respinto col palmo della mano da Zelletta, fino a quel momento inoperoso. Al 20′ la svolta: Marino e Giacalone vengono sostituiti per far posto a Genovese e Palmiteri. I lilybetani avanzano in maniera rugbystica conquistando parecchi calci piazzati ed in mischia al 26′ colpiscono un palo con Matinella. 33′ Fina batte un calcio di punizione dalla sinistra, Palmiteri gira in rete dopo essere rientrato dal fuorigioco ed aver strattonato vistosamente Maggio. Sul cambio di fronte Marco Lombardo, subentrato ad un acciaccato Silvestri, calcia dal limite sfiorando il “sette”. Al 37′ uno stremato Iannelli, dopo aver regalato un numero d’alta scuola, viene sostituito da Gardano che inserisce Aiello. Passano solo tre minuti ed una topica di Zelletta regala il corner del pareggio, descritto in precedenza, ad opera di Palmiteri. I quattro minuti di recupero passano senza infamia e senza lode regalando l’ennesimo rimpianto ai granata.

Mario D’Amico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...