11a giornata Campionato Serie D gir.I

ACIREALE – Paternò 0-1
SCONFITTI ED IN CRISI
– Acireale spuntato, il Paternò degli ex lo beffa –
– Contestazione dei tifosi, sfogo di Cocuzza –

Partiamo dalla fine. Tifosi che non le mandano a dire a società e giocatori, risposta negli spogliatoi dell’Amministratore delegato dott.Giuseppe Cocuzza che non si fa attendere: “ La società è in grave crisi economica, sembra che tutti ne parlano ma nessuno lo dice; bisogna solo ringraziare i ragazzi che stanno impegnandosi nonostante i vari problemi di gestione.”
Come non dare ragione al Dottor Cocuzza? Bisogna solo ringraziare chi si spende in tutti i modi per fare calcio ad Acireale con le risorse che riesce a reperire in questo difficile momento.
Però la solita domanda di mouriniana  memoria ci frulla nella testa: perchè?
perchè poi lamentarsi dei comportamenti dei tifosi? Che sono esigenti, purtroppo, e non digeriscono campionati anonimi e tendenti allo scadente. Perchè in estate prospettare rivoluzioni e svolte, con acquisti “sulla carta” di sicuro valore, per poi ritrovarsi con 8 punti in 11 partite e con problemi di gestione?
Chi o cosa fa ingoiare l’ennesimo rospo alla dirigenza granata, che viene presa di  mira ciclicamente dalla piazza “ingrata” e per poi assistere a questi sfoghi, che restano tali, dato che non portano a chiarire certi misteriosi aspetti su proprietà , soci, disponibilità economica e  capacità di programmazione?

Parlando di calcio giocato, ovvie le scelte di formazione di mister Marra che deve far fronte a quattro pesantissime assenze,(Tedesco, Cortese, Patti e Maggio sono out) :  Pandolfo in porta; Marchese-Elefante-Puleo-Manganaro; Macrì, Profeta,Castellano, Butera; Ancione e Varriale .
Se non è emergenza  siamo proprio al limite.
Le due squadre si studiano per un buon quarto d’ora dove non succede davvero nulla, poi è Ancione a provare ad innescare un compagno con un suggerimento dal fondo che non trova nessuno pronto alla deviazione.
Intorno alla mezzora un’azione insistita dei granata che vanno al tiro per tre volte: Varriale da dentro area trova i piedi di Vecchio, la palla finisce al limite dell’area a Castellano che spara precisoma centrale trovando il tuffo di Vecchio, sulla ribattuta anche Profeta tenta il tiro ma ritrova il portierino pronto alla deviazione.
La risposta del Paternò è affidata a Mandarano che spara alto dal limite dell’area di rigore al 34’.
Al 38’ Savanarola si beve Manganaro e dal fondo entra in area e mette a disposizione dei compagni una palla che nessuno riesce a deviare.
Al 43’ vantaggio del Paternò: lancio dalla retrovie, Puleo si fa superare da Mandarano, che dal fondo campo inventa un pallonetto che sorprende Pandolfo.
L’occasione per pareggiare i granata la confezionano subito: Ancione sfrutta un rimpallo che lo porta dentro l’area di rigore in posizione favorevole, il numero dieci granata dribbla un uomo di troppo e qando conclude a rete trova Vecchio a deviare con il corpo.
La ripresa si apre con un’occasione per Ancione: Manganaro lo pesca al 12’ dentro l’area di rigore, il fantasista tenta lo stop in acrobazia senza riuscire a concludere.
Al 18’ l’Acireale pareggia con Macrì che si inserisce bene sul secondo palo, ma il segnalinee fa annullare per un presunto fuorigioco a centro area.
Al 20’ e al 22’ due ex granata provano finire nel tabellino dei marcatori,ma prima Scalia di testa, poi Truglio concludendo debolmente non sfruttano le occasioni.
L’Acireale viene contestato dai suoi tifosi e non riesce ad imbastire un’azione corale, cose che riesce bene al Paternò al 37’: Di Mauro pesca in verticale Savanarola che controlla di petto e fatti due passi in area di rigore lascia partire un bel tiro che si stampa sulla traversa.
La reazione acese avviene due minuti dopo: cross di Manganaro, dalla sinistra, mischione davanti Vecchio che riesce a parare una conclusione ravvicinata di un granata.
L’ultima occasione pericolosa è del solito Ancione al 45’ : punizione dal limite precisa ma debole, Vecchio riesce ad alzare in corner.

IL TABELLINO

ACIREALE 0
COMPRENSORIO NORMANNO 1

ACIREALE: Pandolfo, Marchese, Manganaro, Castellano, Elefante, Puleo, Macrì, Profeta, Varriale (20’st Corso), Ancione, Butera (24’st Tomarchio). A disp. Licciardello, Scilipoti, Sciarrone, Silvestri, Maesano. All. Salvatore Marra

COMPR. NORMANNO: Vecchio, Maimone, Caldarella, Leanza (32’pt Malvuccio), Orefice, Scalia, Savanarola, Di Mauro, Truglio (42’st Barberi), Zumbo, Mandarano. A disp. Di Benedetto, La Marca, Amore, Spitalieri, Dumitrascu. All. Giuseppe Strano

RETE: 44’pt Mandarano
ARBITRO: Massimo Alessandro Molinaroli di Venezia
ASSISTENTI: Antonio Spensieri e Davide Imperiale di Genova
NOTE: Un migliaio di spettatori circa. Ammoniti: Caldarella (P), Orefice (P), Di Mauro (P), Zumbo (P), Puleo (A), Elefante (A)


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...